Foresta

Kapuziner strasse è una composizione formata da un insieme di composizioni, come un mosaico formato da più tessere ognuna delle quali ha il suo carattere e la sua individualità.

Ogni composizione è generalmente, ma non sempre, il frutto derivante dalla rielaborazione di una o più composizioni precedenti. Tale rielaborazione si esprime in modo libero, eccone alcuni esempi:

• lo sviluppo e l’ampliamento di un singolo segmento di una composizione tale da crearne una nuova;
il riarrangiamento di un’intera composizione;
• il montaggio e l’editing di più composizioni;
• la sovraincisione di nuove tracce su composizioni precedenti;

Potremmo quindi definire ogni composizione come figlia e ogni composizione da cui essa è tratta come genitore. Ogni composizione può quindi avere uno o più genitori e può dare vita a molti figli.

La struttura delle composizioni assume quindi via via la forma simile ad una foresta o, per essere più precisi, quella di un grafo. Ad oggi le composizioni di Kapuziner Strasse sono trentacinque e hanno assunto questa forma:

Esse si dispongono sull’asse verticale secondo la data di composizione ed hanno un colore più o meno intenso in base al numero di connessioni.

Un compositore può pure evitare di rielaborare una composizione precedente dando vita ad una nuova composizione priva di genitori, in tal caso essa si definirà come radice. Quando invece una composizione non dà origine a dei figli si definisce foglia. Le sequenze successive di composizioni imparentate tra loro si definiscono rami.

Ogni composizione è denominata da KS seguito da un numero progressivo, questo al fine di liberarla dalla zavorra di un titolo che abbia la pretesa di definirla sul piano emotivo, culturale o simbolico.

Per lo stesso motivo nell’attuale versione di Kapuziner Strasse si evita l’utilizzo di testi, in qualunque lingua. In fondo la musica è l’unica arte che può permettersi questa libertà dalle parole e dalle immagini e pensiamo sia un bene sfruttarla.

L’ascolto delle composizioni pubblicate, disponibili sul sito www.kapuzinerstrasse.it, è utile per comprendere la filosofia e la direzione in cui i musicisti di Kapuziner Strasse si sono mossi fino ad oggi.

Vai a > Condivisione e pubblicazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *